• Salvatore

    Membro
    18/07/2022 a 11:28

    Ok è un parere che puo’ essere interessante. Cio’ che tu definisci sentire, è l’intuito che si affina con lo studio dei tarocchi.

    Penso che ci voglia una sinergia delle due componenti, ma se non ci affidiamo ad uno studio solido e protocollare dello strumento, si rischia di sparare baggianate e magari anche di fare del male alla persona che viene a farsi leggere le carte (ecco perché non mi faccio leggere le carte dalla gente che parla di doni, di spiriti che guidano e di altre cose che per me sono idiozie).